Porto intorno (peri’ fero, a Classe di Ravenna)

Classe di RavennaMemoria di stelle fuori luogo. Nuvole di plastica sopra la tettoia, dietro i cassonetti, tra le ruote delle bici che corrono verso la fermata deserta. “Lo sai chiudere un occhio solo?”

Bus 4. Gomme che corrono verso un cielo di sangue. “Al mio paese non c’erano quasi case, solo campo, e al tramonto c’era un sole enorme… Si camminava avanti, e sembrava di entrarci dentro…” “Qual e’ il suo paese signora?” “Matera. Lei di dov’e’?” “Di Milano. Di Varese. (Di nessuna parte)…”

C’e’ una sola periferia, e’ li’ che s’appende tutto il cuore del mondo.

Annunci
Categorie: viaggi | 4 commenti

Navigazione articolo

4 pensieri su “Porto intorno (peri’ fero, a Classe di Ravenna)

  1. E poi, in fondo, è proprio nella periferia che sono serbati i più preziosi tesori.

  2. Hai proprio ragione! Mary 🙂

  3. Ciao Mary!!! Che bello ritrovarti dopo la fine di Splinder 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: